.
Annunci online

 

satira, un punto di vista un po' storto
SOCIETA'
9 giugno 2014
Misteri d'Italia

Magari uno pensa alle stragi: chi ha fatto le stragi? - No, quello non è un mistero più di quanto lo sia il livello di competenza di chi ha fatto Carosello "reloaded". Allora il Mistero di Fatima; ma quando mai, si sa tutto su Fatima: la Madonna spifferò alla pastorella i particolari sull'attentato a Vojtila e le autorità ecclesiastiche omisero di denunciare tutto alla Procura, lasciando che la Volontà Incerta di Dio venisse compiuta con quel bell'esito. E la Vergine, evidentemente, di queste cose non si intende, altrimenti sarebbe comparsa in un commissariato. 
Un mistero potrebbe essere come mai gli ècsit pòl non c'azzeccano più, ma questo è un segreto svelato anni fa da Enrico Deaglio in una sua interessantissima inchiesta che non ha, ovviamente, interessato nessuno. 

No, i misteri d'Italia sono cosa più impegnativa, ed anche più mistica perché riguardano la scienza e, nella fattispecie, l'ingegneria.
Ad esempio: ma il Mòse (a proposito: ma non si dovrebbe dir Mosè? Perché questo strano Mòse? Va a cacchio, un po' come Scandìnavo e Scandinàvo?) il Mòse dicevo, funziona o no?
Si tratta, dopotutto, di una diga mobile, quali ce ne sono a bizzeffe in giro per il mondo; alcune girano, altre ruotano, certe sorgono, ma tutte chiudono e fine del discorso. Da bambino ne ho costruite a migliaia, io, sulla spiaggia, insieme a tutti voi. Perché l'ingegneria si impara da bambini, perfino da castori, addirittura da insetti, non è difficile; la teoria che muove questa disciplina potrebbe essere riassunta con: visto che qui è così, io faccio questo, e diventa cosà. Ditemi voi cosa c'è di complicato; e allora come mai c'è chi dice che il Mòse non funziona? E quando fosse stato ravvisato un errore di progetto, che ci vuole? Si stampano i foglioloni con AutoCAD, si dice: "vedi, o pirlone, guarda qua cos'hai combinato", e si corregge.
L'idea poi di inserire in laguna dei muraglioni in cemento che sorgono dal mare di fronte a San Marco, effettivamente, mette qualche brivido (pur se Le Corbusier, celebrato come artista sommo, ci voleva piazzare un ospedale-cubo di calcestruzzo), ma se in caso contrario Venezia ci dura di meno, ahò, meglio l'olio di merluzzo che il blocco intestinale, no? Però questo è un altro problema, il vero problema essendo: l'ingegneria è materia opinabile?

Non è la prima volta, d'altronde, che la materia scientifica viene opinata come una teoria filosofica: le centrali nucleari. C'è un bel tipo di scienziato che afferma come qualmente le centrali nucleari non siano solo sicurissime, ma le stesse scorie radioattive (il dilemma classico: dove cazzo mettiamo le scorie radioattive?) non siano per nulla pericolose e tutte le statistiche che affermano il contrario, sbàgliano. Eppure si tratta di fisica, pergiove, roba esperimentabile per propria natura; come si fa a sbagliare?
Si dirà: non è solo fisica, è anche biologia, e qui casca l'asino. 
E' vero: la medicina (lo sviluppo pratico della biologia) è spesso un po' asina; ma da qui a dire che seduti sul trizio radioattivo si campa di più, ce ne corre; o vogliamo pensare che gli americani, con quelle due bombe, volevano portare un segno di pace in omaggio al Giappone? - Timeo Danaos et dona ferentes.

La scienza è la scienza, santo dio, e si divide in scienze esatte e scienze come la biologìa, un po' a capocchia, ma due rette parallele, due benedette e porche rette parallele, porca la miseriaccia porca, non si incontrano mai.
Tranne che nel paese delle convergenze parallele.

sfoglia
maggio        luglio
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 1 volte