.
Annunci online

 

satira, un punto di vista un po' storto
politica interna
22 aprile 2013
Atto ribaltato

 

E' una vendetta? Una maledizione? O solo un incubo? Non potremo saperlo mai, se non lo sappiamo già. E chi non lo sa? Mah.

          

- L’Incubo (si lamenta mentre dorme in un letto, sul suo petto sta accovacciato Il Presidente):  Ohh… uff… ahio… mm… (si sveglia) ma che co…? Ma… che è successo, mi… mi… mi sono addormentato?!

- Il Presidente:  Eh!

- L’Incubo (spaesato):  Oddìo!… Preside’… ma che fai lì? Che demonio è succ…? Ma che, ci siamo cambiati di posto?

- Il Presidente:  Guaglio’, ti eri addormito così bello… sembravi un nutrìco di mamma; e stai, stai!...

- L’Incubo:  Macché "sto"…! Sono l’incubo, io! Non dormo mai, anzi io son quello che sveglia tutti, io sono quello che… quello che… madonna, che mal di testa…

- Il Presidente:  E per forza, con quello che ti sei abbevùto!

- L’Incubo:  Ho bevuto?

- Il Presidente:  Picciri’, ma davvero non ti rammenti niente?

- L’Incubo:  Oddio… mi viene in mente che c’era un casino… una scena da incubo, ma proprio coi fiocchi… non si capiva niente, tutti facevano cose assurde… ho detto: ma qua l’incubo sono io o… mi è venuta una crisi, non lo so, mi sono sentito inutile, ho detto: ma io sono un fallito, sono… e allora ho bevuto, e poi... ma pensa che roba strana eh? Ho sognato; proprio io! Vabbè, Preside’, mo’ pero’ scambiamoci di posto, su, e torniamo all’ordine; allora: tu dormi, io ti peso sul cuore e ti sveglio…

- Il Presidente:  No no no, picciri’, non si fa più a quella maniera llà, vedi che questa è la cosa, mo’, è cambiato tutto, ‘o ssàpe…

- L’Incubo:  Cambiato che?

- Il Presidente:  Ma come, che! È il nuovo corso questo! Mo’ bisogna cambiare tutt’i cos’: ‘na granda rivoluziona si avvicina, e io songo lo condottiero! Mi siento come quando ciavévo a ottant’anni, ueué: ‘nu liòne!

- L’Incubo:  Preside’, ma cosa stai dicendo? Io avrò sognato di bere, ma tu devi aver bevuto davvero… fammi alzare, dai: sei quattr’ossa storte ma mi pesi come due corazzieri, uff… e sùsete…

- Il Presidente: Bellillo, ma allora non mi hai capito: qua mo’ non si sùsa più a nisciuno per altri a settànni! Ci stengo in piéti solo io: e basto e avanzo, picciri’!

- L’Incubo (sempre più oppresso):  Uff… mannagg… ma senti un po’: tra poco tu te ne devi andare, eh: lasci la carica! Insomma ti scaricano, te ne torni alla stanzetta, colle pantofoline, a fare la pennichella, insomma fai lo stesso che qua, però lo fai là… ci siamo spiegati, Preside’? Perciò alzati, con le ultime forze, su, che io c’ho un po’ da fare, veh, dài: uno due hop…

- Il Presidente:  Ehh, comme si vede che non hai stutiàto… eppure lo dice puro la Costituziona…

- L’Incubo:  Che cosa?

- Il Presidente:  Leggo, sientimi abbène; articolo ottantaquattro: “può essere eletto Presidente ogni cittadino che abbia compiuto cinquant’anni di età”; articolo ottantacinque (songo più vecchio io): “il Presidente è eletto per sette anni” …blablabblà blabblabblà… ah ecco qua: “Il presidente della camera dei deputati convoca il Parlamento e i delegati regionali per eleggere il nuovo Presidente”. Ecquecquà, nero su biàngo. Visto?

- L’Incubo:  Ma visto che!?

- Il Presidente:  Marònna santa, figlio mio, ma tu sei proprio ‘nu legno! Aggio compiuto cinquant’anni, io?

- L’Incubo:  Alla faccia, da quasi cinquant’anni!

- Il Presidente:  Bravo. E adesso rispondi giusto, pènzaci bene: stanno per eleggere ‘o nuovo Presidente?

- L’Incubo:  E per forza, il tuo settennato è finito!

- Il Presidente:  ‘O vedi che, quando ti àpplichi, capisci? E allora ‘o nuovo Presidente songo io, no?

- L’Incubo:  Ma no! Tu hai finito, ci sarà un altro Presid… uff... ahio…

- Il Presidente:  Benedett’ ‘o Signòre, cicciriello mio: quell’altro song’io! Perché nunn’o capìsce? È facile!

- L’Incubo:  Ma non è logico… non è nemmeno legale… urc… sposta un po’ ‘sto ginocchio…

- Il Presidente:  Non posso, songo ‘o Presidente!

- L’Incubo (grida):  Ma quale Presidente, sei fuori! Vattene a casa! Facci alzaree!...

- Il Presidente:  Tu quest’iccòse non le puoi capire: è ‘na questiona di responsabbilità, volesse mai Iddio che me ne vàco e qua ci viene a uno che non sape leggere la Costituziona come la leggo io che, modestamente, songo cchiù meglio di Benigni… tu duorme, duorme e crisci santo, non te preoccupa’: qua ci sta ‘o Presidente, colla sua bbella stilografica, che veglia su di voi…

- L’Incubo:  Ma vuoi dire… stai dicendo… che il mio... non era un sogno?!…

- Il Presidente:  E no. Tu non puoi dormire. Sei l’incubo. Ma sienti a mmé: cambia mestiere perché, come incubo, ciai poca fantasia. Sei superato dagli eventi, come si dice. Capìto?

- L’Incubo (grido orripilato):  …NOOOOOO!!......

 

 

 

(Sipario)

sfoglia
marzo        maggio
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 1 volte