.
Annunci online

 

satira, un punto di vista un po' storto
DIARI
24 novembre 2011
Venditori e Camicie brune
 

Arrivò tempo fa un venditore, che vendeva e vendeva – diceva – a ogni porta di imprenditore un sistema per curare il patema che tutti agghiaccia alla schiena lorquando, di notte, si scatena – o con ragione o per combinazione –  quel cacchio d’allarme del capannone.

 

-   Buongiorno, lei ha mai subìto furti?

-   Grazie a me, no.

-   Grazie a lei?

-   Sa, sono ateo.

-   Ah, capisco. Bene: allora, grazie al calcolo combinatorio, starà per subìrne uno.

-   Dunque lei è ladro statistico?

-   Venditore.

-   Ahi!...

-   Eh sì. Pensi: giovedì la Cipputi Spà non mi ha voluto comprare l’antifurto…

-   E venerdì…

-   E venerdì gli hanno arrubbàto pure la mutanda d’emergenza. Vede che mondo brutto che ci troviam qui sotto?

 

Allude o minaccia il fetente; gli faccio ora il ghigno cattivo o metto su un’aria piangente e sbroffo che di euro son privo?

 

-   Mi piacerebbe assai comprarle l’intero stock, oh, se mi piacerebbe, lo giuro sulla sua famosa mamma, qualunque mestiere faccia. E poi, ma che bell’articolo, ma che bella idea ha avuto venendo a trovarci, ma come veste con gusto, ma come le casca bene la giacca, peccato per la pistola.

-   No, è l’agenda (estrae l’agenda e me la punta alla tempia). Dunque affare fatto?

 

Laddove non passan le tasse, seqquando non arriva i’IVA, ti svuotano bene le casse la crisi, le banche e...

 

-   L’agenda.

-   Ma non fa la rima

-   E chi se ne frega. Sa che facciamo? Mi dia tempo quei dieci-quindici anni per pensarci e poi ci rivediamo per l’acquisto, eh? Contento?

-   Eh? Contento?!

-   Che fa, mi copia?

-   Ma via: un grande industriale come lei, con questa po’ po’ di topaia, con tutto questo unipersonale, con il suo giro d’affari pluricentesimale…

-   Ha dimenticato: un uomo bellissimo…

-   Beh insomma… ma che c’entra?

-   Già, perché il resto…

-   Insomma: le offro un affare fantastico!

-   Troppe effe.

-   Pensi: tre telecamere a circuito chiuso e registrazione 24 ore su 24 in tutti i suoi ambienti (questa stanza) a soli eur…

-   Ah! Ma lei vende intercettazioni ambientali!

-   (pavoneggiandosi) Modestamente!...

-   Bene, bene, bene: stia un attimo in linea seduto comodo, che faccio una telefonata!

 

È Legge da ventiquattr’ore e son cacchi tuoi, venditore; tu vendi sbignàte all’interno? E io piglio e ti chiamo il Governo:

 

-   Tu-tuu… tu-tuu… click: (musica d’attesa) …’e sempre allegri bisogna staree, ché il vostro piangere fa male al re…’ (risposta): Uéh, sseghè, pronto!

-   Viva la figa e la Padania!

-   Sempre evviva. Chi è, il Benito?

-   Il Benito? No, sono l’Internet… vabbè, damm’a tra’ a mi: ciò qui uno che vende intercettazioni ambientali

-   È il Benito?

-   E dàgliela con questo Benito. No, (al venditore) com’è che ti chiami?

-   Alfredo

-   (al telefono) È l’Alfredo.

-   Cosa l’è che intercetta, questo Alfredo.

-   I ladri.

-   Va be’, dài, poveri ladri!

-   È quel che dico anch’io.

-   Non si possono mica fare, quelle intercetasioni lì!

-   È mezz’ora che glielo ripeto!

 

La Legge Porcellum-Maiale èccòme la donna fatale: ce n’importa assai la morale, importa se la puoi abusare, perché mica la devi sposare: è un sogno e ti puoi svegliare, aspettando la prossima notte che puoi tornare a mignotte.

 

-   Sarà mica un terùn, quell’Alfredo lì!

-   Secondo me, a l’è ‘n terùn

-   Fagli la prova della cadrega!

-   Bravo! - uehi, Alfredo: cos’è la cadrega?

-   La sedia.

-   Cos’è che ha detto?

-   Ha detto la mela

-   L’è un terùn!

-   L’è un terùn!

-   L’è un terùn comunista blecbloc drogato e negro!

-   E culattone!

-   Sparaci, Benito!

-   Sono Internet, vacca boia.

-   Sparaci uguale, che poi lo mettiamo in galera per falso in bilancio!

-   Ma non è depenalisàto?

-   Per lui no!

-   Giusto! Bravi! Orca l’oca, che bel governo! (colpi di fucile)

 

Questo accadeva un tempo fa, nei giorni felici in cui il Governo diceva in faccia alla Guardia di finanza che era morale evadere un po’ le tasse (e la Guardia di finanza, lì sull’attenti: uno spasso) e anche quando aveva detto di voler sparare ai barconi degli immigrati (i barconi con su donne e bambini, ma negri uéh, mica tedeschi) o quando voleva riservare i vagoni della metropolitana di Milano ai soli milanesi (ai milanesi bruni – quasi tutti – veniva fatto il test del DNA: col cinque per cento di sangue spagnolo, andavi a piedi).

 

Ma adesso forse quei bei tempi sono finiti; che dite, saranno davvero finiti? Mi toccherà rifiutare le offerte pelose con aplomb signorile e compassato, senza contare sull’aiuto delle Camicie brune?

 

Aspetto il prossimo ospite per saper che fare; pare che adesso verrà a trovarmi la banca. E io non ho neppure l’antifurto.

 

 

sfoglia
settembre        dicembre
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 1 volte