Blog: http://banditore.ilcannocchiale.it

effetrentacinque

 

 

 

Come dicotalvolta anche qui, per rendersi conto delle cose è bene rapportare i fatti ase stessi, non importa molto se riducendoli in scala. Proviamo.

 

 

Dunque: voi, per ragioni forse legate ai contrasti che prevedete di avere alle assemblee condominiali, decidete di acquistare un caccia-bombardiere di ultima generazione. Vostra moglie esprime dubbi relativi al fatto che un cacciabombardiere in garage occupa il posto della sua Smart e del motorino di vostro figlio, e poi sembra un tantino esagerato come difesa contro il ragioniere del secondo piano, ma voi siete irremovibili: ci vuole un buon deterrente contro quel rompiscatole.

Il venditore di cacciabombardieri vi mostra l’effetrentacinque, una figata di aereo che – dice lui – sfreccia a tre volte la velocità del suono (così potete rincasare anche in piena notte senza disturbare nessuno, a parte per quel piccolo “bang”) porta missili e contromissili, bombe, razzi, cannoni ed alabarda spaziale, zompa sopra le nuvole in pochi attimi, non viene visto dai radar (e dunque nemmeno dalla parabolica dei Brambilla) ed invece vede i radar,e li distrugge telepaticamente.

Con le sopracciglia in cima alla testa, guardate il catalogo e scegliete il colore, poi lasciate una piccola caparra (un miliardo) ed attendete la consegna.Tornate a casa col dépliant, molto soddisfatto.

Poi, nell’attesa, fate un giretto su internet, alla voce “spari, stragi eammazzamenti volando” ed ecco una vasta letteratura, sull’ effetrentacinque.

Con un poco di sorpresa, apprendete che il vostro aereo vola, sì, ma solo se non piove; oh bella, e perché? Perché la sua avionica d’avanguardia è troppo d’avanguardia per quest’era dove, ancora, piove. E così, se volate quando piove, lui esplode.

- Eh no – vi dite – io non voglio esplodere, voglio far esplodere, sennò che divertimento c’è.

Ma non è finita:l’aereo ha la coda troppo corta e, se accelerate, dal culo vi esce una fiamma tale che vi accendete come uno zolfanello e fate la fine rapida dell’asteroide di Tunguska, tra le risate dei Brambilla al balcone.

Sempre più sorpresi, ed ora anche un poco allarmati, seguitate a leggere e scoprite che, se volete atterrare sul vostro gommone usando l’apposito gancio d’arresto per portaerei, non ci riuscite. Il gancio è sbagliato e non s’aggancia proprio per un cazzo al cavo regolamentare che avete già predisposto, incasinando i tubolari del vostro natante.

- Ma porcaccia zozza – gemete tra i denti, ed imparate che i sedici computer di cui l’aereo è dotato sono la sola assicurazione che possa effettivamente volare, perché è costruito in modo così innovativo che, senza computer, volerebbe quanto un pinguino buttato dalla finestra. – Bè, ci sono un sacco di computer – dite cercando di rassenerarvi, ed avete ragione, senonché essi sono così avanzati che vanno in reset e poi in blocco quando l’umidità relativa dell’aria scende sotto il settanta per cento, se sale sopra il settanta per cento, laddove rimanga troppo a lungo al settanta per cento e anche se vi azzardate a dire “settanta per cento”.

Tremando al pensiero di quello che potrebbe dire vostra moglie, cercate febbrilmente dove può essere la trattazione dei rimedi a questi piccoli difetti del vostro imminente, nuovo caccia-bombardiere; trovate un sito gestito dal gruppo di progettisti che hanno curato la nascita di questa arma favolosa: con un sospiro di sollievo, vi accendete un pollice (siete nervosi) e, fumandovelo, iniziate aleggere.

Venite così a conoscenza del fatto che quei prestigiosi tecnici ingegneri aeronautici usi a fabbricare mezzi volanti per l’aviazione più progredita del Mondo, fanno anche parte di un gruppo di hacker buontemponi ed, insieme al messaggio “salve, sei stato appena collegato ad un sito di strangolatori di minorenni e poi a quello dell’Interpol” vi appare una finestra che recita: “se pure tu sei uno di quei volponi che hanno comprato l’effetrentacinque, ma bravo: sappi che ora fai parte del mondo delle stelle. Cadenti. Esprimi un desiderio, tanto non serve a niente”.

Poi suonano alla porta. Vostra moglie dice che è l’Interpol.

Ecco. Questa cosina l’ho scritta per il nostro Ministro della Difesa. Spero che la legga.

 

Pubblicato il 26/6/2013 alle 16.19 nella rubrica dubbi .

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web