Blog: http://banditore.ilcannocchiale.it

La migliore risposta


La migliore risposta al problema dei ministri neri in Italia l'ha data un americano:

http://www.affaritaliani.it/sociale/il-donatore-di-midollo-rifiuta-di-aiutarla-la-bimba-di-3-anni-muore080813.html

Come si vede dal lungo titolo, una bambina malata di leucemia muore perché il donatore è schifato dall'idea di trapiantare il suo prezioso e nobile midollo in un corpo di rango inferiore come quello di quella bimba lì.
La bimba è negra? No, è bionda, di Vicenza, tanto carina e con un viso che potrebbe essere di Vicenza, ma - chi ha viaggiato almeno un poco, lo sa - anche di Catania, di Oslo, di Atene, di Pamplona, di Eindhoven, di Brno, o di Detroit, per dirne solo alcuni.
Il donatore di midollo chissà se lo sa com'è fatta questa bambina, che si chiama Giada; chissà se ha un piccolo regolo per le misure craniometriche sulle fotografie, o se invece gli basta sapere che non sei americano. Lui lo è, americano, così gli han detto e ci crede. 
E allora pare si sia basato su quel convincimento per dire, all'ultimo minuto, che non se ne faceva niente perché la condannata (si chiama così, ora: "la condannata") era mica americana, bensì - disgusto - italiana, nientemeno. Una italiana non americana può morire senza che il donatore di midollo salvifico perda il sonno perché quella è italiana, non americana, capito? Ripeto: perché è' italiana, non americana.
Da che si comprende come non siano indispensabili evidenti segni esteriori, per escludere qualcuno dalla razza umana; ammesso che il donatore sia biondo, la Giada era bionda. Era, perché è morta. Era bionda e di pelle molto chiara, coi capelli lisci lisci ed aveva il nasino all'insù; nessuno poteva darle una origine etnica precisa: "razza caucasica" dicono i documenti ospedalieri (dateci un occhio, lo dicono anche i vostri; leggendo i suoi, mio padre si umbufalì e fece una protesta gigante: "...ma cos'è questa roba? razza caucasica?! ma che sono, un cane?" - e l'ufficio della Direzione sanitaria: "ma Signore, sono le regole, è una determinazione utile per la diagnosi..." - e mio padre, incazzato come Cristo nel Tempio: "e allora almeno si scrive etnìa! Altrimenti si arriva pure a dire 'ebreo' e, nel caso uno sia un po' sporco, 'sporco ebreo', no? Lo vede che le parole sono importanti?" - povero papà, non ce l'ha fatta: è uscito dall'ospedale, sempre di razza caucasica).
Insomma, o leghisti di razza caucasica: tante storie per una ministra nera e poi, fosse pure bionda, è comunque italiana: cioè di razza inferiore, ancorché caucasica. Buone letture di genetica, studiate e fate tanti progressi.

Pubblicato il 10/8/2013 alle 6.58 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web