Blog: http://banditore.ilcannocchiale.it

Fuori dal vaso


Proseguono le consultazioni alla Camera per il voto di fiducia al Governo in carica; numerosi applausi hanno sottolineato l'intervento del parlamentare della Lega quando egli ha enumerato le cifre della crisi, abilmente riconducendole alla responsabilità del Governo; altre manifestazioni concordi erompevano dai banchi della compagine di destra all'indirizzo dell'oratore, non appena egli denunciava il fallimento del Governo nella prevenzione della immigrazione clandestina e nella repressione della criminalità. Quando il brillante deputato leghista ha però segnalato come una previsione di amnistia o di indulto avrebbe avuto effetto pernicioso sulla società e si sarebbe configurata come una iniqua concessione al crimine perché, testualmente: "i criminali, Signor Presidente, devono stare dentro, non fuori", non appena espressosi in modo così convincente egli, con un mormorio strozzato, si è accasciato sul banco, restandovi esanime.
Il Presidente della seduta ha poi disposto l'immediato ritiro di tutte le cerbottane al curaro dai banchi della destra.

Pubblicato il 2/10/2013 alle 11.13 nella rubrica Teatrino politico.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web