Blog: http://banditore.ilcannocchiale.it

Un po' di questo, un po' di questo (ancora? - Eh.)


Agitescion
E adesso siamo cambiati: siamo giovani; poteva succedere quando eravamo giovani davvero, ma non guastiamoci la festa coi brutti pensieri. Si cambia tutto, si cambia pure il lessico; ad esempio, ora non si dice più il programma, ma il cronoprogramma. Anche io mi adeguo e per cominciare, stamattina al bar ho subito chiesto un tazzacaffè.

Senza accanimento
Sì, era uno spione capo del KGB (che lavoro, ragazzi, altro che il cococò), poi rimane un brutto figuro implicato in omicidi, poi è amico perfino di uno come berlusconi, poi invade la gente, è cattivo, è quello che vi pare.
Malgrado tutto però io, come lo vedo, mi si stringe il cuore; guardatelo in faccia: ha perennemente l'espressione di uno che abbia appena pianto. Non ho mai visto un'aria così triste. Che gli sarà successo, cosa gli avranno mai fatto?
E' insopportabile, la sua maschera di dolore, basta: io di cuore mi auguro che presto smetta di soffrire, quel poveraccio.

Attenti, sta crollando, presto: discutiamone!
Franceschini (uno di quelli che doveva governare fino all'anno tremila al posto di questa destra che eccetera eccetera) è appena diventato Ministro della Cultura (qua da noi è una specie di incarico punitivo: "guarda che ti mettiamo a fare il ministro della cultura eh!...") che Pompei se la ricrollicchia un pochettino.
Il Dario però non è uno che si perde in bubbole ed ha subito chiesto un "report", cioè un chiarimento, sulla vicenda.
- Dariobello: sei uno che si perde in bubbole; non serve il chiarimento, servono i soldi; ce li hai i soldi? Se ce li hai e riesci a non farteli fregare, chiama un'impresa, e in due giorni vedi che non si crolla più. 
Oh santa pazienza, 'sti ragazzi.

Mysterium iniquitatis
No, Gratteri no. Perché? Perché c'è una regola "non scritta ma insormontabile" in rispetto della quale un giudice non può fare il Ministro della Giustizia. Chi lo dice? E chi volete che lo dica: il Napolitano, lo dice.
- E Nitto Palma, allora?
- (alzata di spalle)
Napolitano, tanto per ricordare com'è che funziona, però è pagato allo scopo di far rispettare alcune regole scritte, non per inferire su altre "non scritte"; se non sono scritte, poi, dove le ha lette? Va bene che è anziano, ma non è ancora uno spirito-guida. Sarebbe bene che, finché c'è, facesse il suo mestiere (quello scritto) mentre quando non ci sarà più, potrà sfogarsi con tutte le fantasmagorìe che vorrà. Per ora non sia impaziente: lunga vita, caro signore.

Perché
L'amico che era venuto a trovarci è ripartito. Il nostro cane si è dispiaciuto: è andato a nasare il giaciglio, ha guardato in giro, poi ha guardato me con fare interrogativo. Quando un cane ti guarda così, senti sempre del disagio; "è andato a casa...!" - gli ho detto. Ma lui non stava chiedendo dov'è andato (il cane non è cretino e lo capisce da sé che l'amico è tornato a casa), lui stava chiedendo perché.
Ecco come mai il cane ti mette a disagio.


Pubblicato il 2/3/2014 alle 14.41 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web